IMPRESE IN ROSA: TUTTO QUELLO CHE C’È DA SAPERE PRIMA DI METTERSI IN PROPRIO

Fare impresa è davvero "un'impresa", e questo è forse ancora più vero per una donna, soprattutto se decide di essere anche moglie e madre.


Ad oggi, in Italia, sono circa 1,3 milioni le donne alla guida di un'impresa, collocando l'universo femminile in una posizione tutt'altro che irrilevante all'interno della realtà economica del Paese.
Complici le istituzioni, l'imprenditoria femminile e' stata  anche favorita da forme di finanziamento agevolato.

La scintilla che accende la miccia e' sempre la passione verso qualcosa che si ritiene di saper fare bene, e che , in seguito alla valutazione delle proprie reali competenze, genera l'idea d'Impresa, e la voglia di mettersi in gioco.

Tuttavia, ci sono alcune buone indicazioni da tenere sempre presente quanto ci si mette in proprio.
Innanzitutto, a prescindere dall'attività che si intende intraprendere, non è possibile iniziare il proprio percorso imprenditoriale senza un business plan, un vero e proprio documento di pianificazione dove vengono definiti, con l'aiuto di figure esperte, gli obbiettivi e le strategie per raggiungerli.  

La passione e l'istinto che caratterizzano l'animo femminile sono una risorsa eccezionale e un’ottima base da cui partire, ma oltre ciò , ci sono svariate domande da porsi per una corretta valutazione di tutte le variabili esterne ed interne, che regolano la realizzazione di un progetto di impresa.

 

Le principali variabili esterne su cui bisogna interrogarsi sono:

-    Il mercato di riferimento: ossia il target di mercato a cui si vuole rivolgere la propria offerta, ovvero il tipo di clientela, nella cui sfera di interesse, meglio si addicono i servizi o i beni che un imprenditrice vuole mettere sul mercato

-    La concorrenza: è fondamentale conoscere nel dettaglio i competitors diretti, cioè quelle imprese che offrono servizi o beni molto simili, rivolti allo stesso target di clientela. Nell’analisi  è necessario includere informazioni sulle caratteristiche di ognuna di esse, dalle dimensioni del fatturato al numero dei dipendenti, l’ubicazione della sede, la qualità dell’offerta proposta, l’esperienza nel settore, le strategie di marketing adottate e così via

-    I fornitori: l’analisi della gamma di aziende nel territorio e non, che abbiano i giusti requisiti per fornire le materie prime necessarie all’esercizio di impresa, che siano conformi agli standard di qualità desiderati, e alla forza economica disponibile.

Tra le variabili interne troviamo invece le risorse economiche e finanziarie che l’imprenditrice può o vuole impiegare e, a cascata, la previsione dei flussi di cassa.

Sarà necessario evidenziare nel dettaglio informazioni riguardanti il fabbisogno finanziario e la natura delle fonti di finanziamento che si intendono reperire.
Una volta verificata la presenza di un capitale che faccia da “motore” per l’avvio della macchina produttiva, si tenterà di guardare al futuro prendendo in esame un periodo di tempo variabile su cui formulare una previsione di costi e ricavi.
Un ruolo di fondamentale importanza, per chi se ne avvale, lo hanno le risorse umane. I collaboratori che l’imprenditrice pone al suo fianco devono dimostrare di possedere le competenze professionali adeguate e doti relazionali necessarie per interfacciarsi con il cliente in modo ottimale, partendo dal presupposto che, in quel momento, il collaboratore rappresenta l’azienda stessa.

Punto cardine del proprio  lavoro di pianificazione del progetto  è la determinazione degli obbiettivi economici. Essi devono essere considerati una meta ben definita e formalizzata, di impronta realistica, e misurabili in un determinato lasso temporale più o meno lungo. Importante fare delle simulazioni finanziarie in base ai flussi previsti o prevedibili.

Quindi possiamo concludere affermando che avviare un’impresa non deve mai essere un’azione improvvisata, mossa dal solo entusiasmo e dalla speranza che andrà bene, ma è necessaria la massima pianificazione possibile, con il supporto analitico e tecnico di professionisti specializzati.



I nostri consulenti restano a disposizione per qualsiasi approfondimento.





 



Letto 492 volte

Officina del Business

STUDIO CLARUS per mezzo e con il supporto dell’INCUBATORE D’IMPRESA di CHIE_RETE, è in grado di supportare in tutte le fasi, le idee imprenditoriali e le Startup meritevoli di attrarre interesse.
L’esperienza interdisciplinare che contraddistingue il Team di STUDIO CLARUS, è a disposizione di tutti coloro che hanno la volontà di far decollare le loro idee.

Leggi Tutto

Lavora con noi

STUDIO CLARUS grazie ad un ambiente multidisciplinare, è in grado di offrire uno stage curriculare di indubbio valore; il nostro obiettivo è generare un vero e proprio Training On The Job che costituirà un’occasione di conoscenza diretta delle attività e delle dinamiche tipiche del nostro settore.

Leggi Tutto

Newsletter

Iscriviti

Privacy policy
Studio Clarus usa i dati che fornisci al solo scopo di informarti su servizi, novità ed eventi nel rispetto del Regolamento UE 2016/679 “GDPR”.